Pendente con moneta greca raffigurante una civetta

-

Jewels with coins, Roman intaglios stones and micro-mosaics

-

Liste nozze

Pendente con moneta greca raffigurante una civetta

Categoria:

Jewels with coins, Roman intaglios stones and micro-mosaics

Sottocategoria:

Monetary jewels - Pendants

Marchio:

Serra - Roma / Jewelry

In questo pendente in argento 925 è stata incastonata una preziosa moneta greca, autentica , risalente al III sec a.C., che raffigura una civetta con , alla sua destra, un ramoscello di ulivo. Nel retro della moneta possiamo vedere la testa della Dea Athena .

Atena è la dea della sapienza, delle arti (le abilità tecniche e manuali nei vari aspetti della vita), della tessitura e della strategia militare, ovvero gli aspetti più nobili della guerra (gli aspetti più crudeli e violenti rientrano invece nel dominio di Ares). I suoi simboli sacri erano la civetta e l’ulivo; spesso, infatti, è ritratta assieme al suo animale sacro e indossa un mantello realizzato con la pelle della capra Amaltea (un materiale che nella mitologia è considerato indistruttibile).

Athena (Minerva ) era parte della numerosissima schiera dei figli di Zeus, noto a tutti per la sua costante infedeltà nei confronti della vendicativa moglie Era, tuttavia poteva vantare una certa unicità rispetto ai suoi fratelli e alle sue sorelle: il mito racconta che Atena fosse nata direttamente dalla testa di Zeus, il quale, dopo essersi unito con Metis, la divorò insieme alla piccola dea che era ancora nel grembo della madre. Pertanto, in quanto figlia di Metis, dea del senno, e partorita dal capo di Zeus, Atena non poteva che essere la dea della ragione!
Non a caso, dunque, uno dei suoi attributi fu la civetta, simbolo di saggezza per via dei suoi grandi occhi e del suo sguardo penetrante capace di carpire le informazioni più profonde, le quali sfuggono spesso allo sguardo superficiale della maggior parte degli esseri viventi. Intelligenza, d’altronde, deriva etimologicamente dalle parole latine intus e legere, ovvero leggere dentro e i Greci ritenevano che la civetta fosse in grado di fare ciò anche nell’oscurità della notte, quando per tutti gli altri è difficile persino scorgere i contorni delle cose.
A essere singolare non fu solo la maniera con cui Atena nacque, ma anche il suo aspetto: secondo il mito, la dea nacque già adulta e vestita con la corazza!